Malfy Magazine

Il segreto per preparare dei drink perfetti? Sta tutto nel ghiaccio per cocktail! I consigli di Malfy Gin

November 3, 2022
ghiaccio per cocktail

Per tutte quelle volte che, durante un aperitivo o una serata speciale, vuoi preparare un Gin Tonic eccezionale, ma poi apri il freezer e ti rendi conto che manca lui, il ghiaccio! E così i tuoi piani vanno in frantumi. Ecco perché non dovresti mai sottovalutare il ghiaccio per cocktail.

 

Forse l’ingrediente più trascurato di tutti, in realtà il ghiaccio è essenziale per preparare drink coi fiocchi. Senza quei preziosi cubetti trasparenti, il risultato sarebbe disastroso: il ghiaccio non solo raffredda la temperatura del drink, ma influisce anche sul sapore e la diluizione degli ingredienti. Tre caratteristiche che, insieme alla qualità degli ingredienti, determinano la buona riuscita dei tuoi drink fatti in casa.

Il ghiaccio però non è tutto uguale. Dalle tipologie alle forme, ogni varietà di ghiaccio è pensata per cocktail e preparazioni differenti.

 

 

Come preparare il ghiaccio per cocktail e usarlo come veri bartender

 

La regola base del ghiaccio per drink professionali è la purezza: deve essere trasparente e quindi realizzato con acqua pulita. Ottenere del ghiaccio trasparente e di qualità che rinfreschi i tuoi cocktail ed esalti il sapore di tutti gli ingredienti è possibile anche a casa. Ecco come fare:

  1. Riempi con dell’acqua (precedentemente bollita e filtrata) un contenitore: più sarà grande, più lentamente si congelerà il contenuto, più il ghiaccio risulterà trasparente.
  2. Dopodiché, lascialo riposare per un giorno: in questo modo tutte le impurità in eccesso precipiteranno sul fondo.
  3. Infine, mettilo in freezer e aspetta che ghiacci. Dopo 48h tiralo fuori, lascialo a temperatura ambiente per qualche ora ed elimina le impurità superficiali con un coltello dentellato.
  4. Adesso arriva la parte divertente: rompere il ghiaccio per cocktail! Con un coltello da ghiaccio rompi il blocco in più parti, finché non raggiungi la grandezza desiderata.

 

In alternativa a questa tecnica puoi utilizzare degli stampini in silicone, ideali per creare cubetti su misura adatti ad ogni tipo di cocktail! Infatti, ogni drink va preparato utilizzando la forma di ghiaccio più adatta alla ricetta da seguire.

 

 

Diversi tipi di ghiaccio per diversi tipi di cocktail

 

Conoscere le tipologie e le forme di ghiaccio per cocktail è una qualità fondamentale per ottenere drink impeccabili. Ecco quelle più utilizzate dai barman professionisti:

 

  • Cubetti standard: misurano circa 3×3 cm e sono i più gettonati per preparare medium e long drink poiché si adattano alla maggior parte dei bicchieri e si sciolgono lentamente, senza comprometterne il sapore.

 

  • Cubetti grandi: in genere sono 5×5 cm e vengono utilizzati principalmente per raffreddare short drink oppure per preparare cocktail shake and strain, poiché si sciolgono ancora più lentamente di quelli classici.

 

  • Ghiaccio tritato: anche chiamato crushed, viene utilizzato prevalentemente per frozen drink e cocktail pestati. Sostanzialmente si tratta di ghiaccio frantumato ed è perfetto per raffreddare e diluire i cocktail più forti.

 

  • Ghiaccio secco: sicuramente una delle varianti più scenografiche grazie all’effetto fumo che sprigiona il bicchiere quando lo si usa. La particolarità di questo ghiaccio è che non influisce sul sapore del drink, mantenendolo comunque freddo. Attenzione però a come usare il ghiaccio secco per cocktail: la temperatura raggiunge i -80°C e potrebbe causare gravi ustioni se maneggiato senza guanti o protezioni.

 

  • Crystal clear: trasparente come il cristallo, in voga nei locali alla moda, proprio perché assomiglia a piccoli diamanti e migliora notevolmente l’estetica del drink.

 

Adesso che conosci i principali tipi di ghiaccio per cocktail, come utilizzarli per preparare ottimi drink da servire ai tuoi ospiti durante le serate speciali?

 

 

Gin e ghiaccio: le ricette per cocktail amalfytani fatti in casa

 

Ad ogni cocktail, il suo cubetto! L’abbinamento ghiaccio-drink non è mai così scontato. Ad ogni preparazione corrisponde una forma di ghiaccio ben specifica. Ecco qualche idea di ricetta Malfy Gin per preparare cocktail a regola d’arte!

 

  • Gin Tonic al sambuco: utilizza dei cubetti di ghiaccio standard e riempi il bicchiere per 2/3. Aggiungi 50 ml di  Malfy Gin Rosa, 150 ml di acqua tonica ai fiori di sambuco e 5 ml di vermouth dolce mescolando delicatamente. Guarnisci il Gin Tonic al sambuco con scorza di pompelmo rosa e un rametto di rosmarino.

 

  • Bramble Gin: riempi un bicchiere old fashioned con ghiaccio tritato, versa 50 ml di Malfy Gin Con Arancia, 15 ml di succo di limone e 15 ml di sciroppo di zucchero. Mescola leggermente e aggiungi 15 ml di liquore alle more che colorerà di rosa il drink. Decora il tutto con garnish d’arancia, due foglioline di menta e qualche mora.

 

  • Tuxedo: versa in un mixing glass cubetti di ghiaccio grandi fino a riempirlo, aggiungi 30 ml di Malfy Gin Originale, 30 ml di Vermouth Dry, mezzo cucchiaio di maraschino, 2 gocce di assenzio e 3 gocce di Orange Bitter. Mescola delicatamente e poi filtra in un bicchiere ghiacciato. Guarnisci con una ciliegia al maraschino avvolta da scorza di limone.

 

  • Gin Sour: versa in uno shaker 60 ml di Malfy Gin Con Limone, 30 ml di succo di limone, 15 ml di sciroppo di zucchero e 15 ml di albume d’uovo pastorizzato. Shakera energicamente per 10 secondi per amalgamare gli ingredienti e montare l’albume. Aggiungi 4 o 5 cubetti di ghiaccio e shakera di nuovo per 5/6 secondi. Filtra il composto in un tumbler basso e aggiungi qualche cubetto di ghiaccio secco. Il risultato sarà uno spettacolare cocktail fumante!

La Famiglia Malfy