La guida completa al Gin Tonic

guida-gin-tonic
Porzioni
0 – 0
Occasione
I consigli di Malfy

Comunemente chiamato G&T, il Gin Tonic, consacrato come long drink negli Anni ‘80-90 del XIX secolo, resta a tutt’oggi uno dei cocktail più famosi ed apprezzati dal pubblico e dalla bartender community. Pluricitato nei classici della letteratura, nel cinema e nella cultura pop di tutto il mondo è un aperitivo facile e veloce da preparare anche a casa. Vuoi sapere come fare un Gin Tonic e conoscere le giuste quantità di ingredienti da mixare? Allora continua a leggere la nostra guida.

 

 

Come fare un Gin Tonic perfetto? I suggerimenti di Malfy

Dissetante e dal sapore forte, il Gin Tonic può essere servito come brioso aperitivo o rilassante dopocena. Come si fa il Gin Tonic? Pochi gli ingredienti – gin, acqua tonica e limone mentre diversi i punti di vista dei barman: o si rispetta la proporzione 1:1 tra gli elementi oppure per una bevanda più leggera, si usa 1/3 di gin e 2/3 di acqua tonica. Per crearlo procedi in questo modo: versa nel bicchiere qualche cubetto di ghiaccio, 5 cl di gin e 15 cl di acqua tonica. Spremi nel drink una fetta di limone o di lime oppure usala per guarnire il bicchiere. Se invece vuoi sperimentare una nuova versione del classico Gin Tonic, sostituisci il classico gin con una versione agrumata, al limone, all’arancia o al pompelmo. Ma quanti Gin Tonic si preparano con una bottiglia? Una bottiglia di Malfy Gin originale da 0.70 L, per esempio, ti permette di creare comodamente circa 14 drink. E quale tonica scegliere per un gin tonic eccezionale? Questo dipende dal tuo gusto. Puoi optare per una tonica classica secca e amara, una botanica arricchita da erbe e fiori commestibili, una light con meno calorie oppure sostituisci la tonica con soda o acqua gassata.

 

Gin Tonic: come servirlo per stupire i propri ospiti

Il primo segreto per esaltare il tuo Gin Tonic è quello di presentarlo nel bicchiere più adatto. Puoi scegliere un tumbler alto o highball oppure un balloon con coppa ampia e stelo sottile che permette ai sentori del cocktail di aprirsi meglio ed evita di scaldare il drink con le mani. Ma come servire un gin tonic agli ospiti e fare bella figura? Presentalo già mixato e pronto da bere oppure riempi il bicchiere con la corretta proporzione di gin e metti la bottiglietta di tonica a parte in modo che sia proprio la persona a cui lo servi a decidere quanta utilizzarne, in che modo versarla e se mescolare o meno il suo drink. Altro elemento da non dimenticare e la decorazione del bicchiere, dettaglio importante che permette al barman di esprimere la propria fantasia e stupire il proprio pubblico. Quindi come decorare al meglio un Gin Tonic? Di solito è preferibile farlo in maniera semplice ma ad effetto ovvero con qualche bacca di ginepro, una fettina di limone o lime ed un rametto di rosmarino o timo.

 

 

Gli abbinamenti perfetti del Gin Tonic

Il food pairing, l’arte di accostare i cocktail ad alcune pietanze, è una disciplina molto diffusa in Italia, patria del bere e del mangiare con gusto. Il Gin Tonic, nello specifico, si presta a molti abbinamenti grazie alle note speziate ed agrumate del gin e all’effetto fresco e amaricante della tonica. Ecco qualche consiglio su cosa mangiare sorseggiando un Gin Tonic. Per un aperitivo sfizioso si può optare per un mix di formaggi e salumi accompagnati da gnocco fritto o mozzarelline in carrozza, un antipasto evergreen che non delude mai. Se ami il pesce degustalo accompagnandolo ai Malfy Gin agrumati. Per un percorso sensoriale pulito e schietto, senza troppi condimenti che possono confondere il palato, prova il gin con  del salmone affumicato su crostoni di pane, con un sauté di cozze e vongole o con scampi e gamberetti affumicati serviti in tartare. E se ti stai chiedendo se anche i dolci possono accompagnare un Gin Tonic la risposta è sì! Ottima la pasticceria secca o un plum-cake liscio o agli agrumi servito con panna acida, una vera squisitezza.

 

 

Gin Tonic: valori nutrizionali e calorie

Resta sempre valido il consiglio di bere responsabilmente ma se il nostro Gin Tonic è accompagnato a del buon cibo possiamo fare un piccolo strappo alla regola e concederci il secondo giro. È importante sapere, però, quante calorie ha un Gin Tonic per poter capire come introdurre nella nostra alimentazione quotidiana questo sfizioso long drink a base di gin (30%) e acqua tonica (70%) senza avere rimpianti. 150 ml di Gin Tonic, ovvero un bicchiere, apportano al corpo circa 171 calorie (kcal) con la proporzione di 0,04 gr di grassi, 15,77 gr di carboidrati e 0,04 gr di proteine. Fortunatamente gli alcol bianchi, come il gin e la vodka, raramente contengono zuccheri quindi possiamo stare tranquilli se pensiamo alla nostra dieta. Ma se vogliamo alleggerire ulteriormente il nostro Gin Tonic possiamo optare per una tonica sugar-free, aggiungere al gin acqua frizzante e succo di lime oppure una spruzzata di soda, che altro non è che acqua gassata molto effervescente.